Vai ai contenuti

Archivio

Archivio per Luglio 2011

BruxellesLa premessa di essere inseriti in un contesto internazionale non rappresenta novità per la nostra Difesa ed è infatti da tempo che le nostre Forze Armate collaborano con Forze Armate estere. I servizi di informazione stessi ormai da tempo interagiscono all’unisono non solamente per la Difesa europea ed anche trans-nazionale. Il punto di riflessione quindi è focalizzato sul miglioramento dei processi, procedure, tecnologie e metodologie per migliorare i sistemi a garanzia dell’ordine dei singoli Paesi. Non vi è dubbio che lo scambio di informazioni per aiutare al miglioramento, a volte, porta ad una vera e propria concorrenza tra singoli ed organizzazioni ad essa connessa. Il mondo sta girando a ritmi piuttosto elevati e ciò che oggi è attuale domani è superato, è palese che la razionalità non modifica nel tempo. La logicità consequenziale della organizzazione delle singole attività legati a degli obiettivi strategici è di per sé facilmente controllabile, proprio perché è rappresentata da pura razionalità. Ciò che invece è difficilmente controllabile è l’irrazionalità, l’imprevedibilità  e la clandestinità. Quindi ci si chiede come migliorare i processi di intelligence sulla base di quanto finora esposto. Sicuramente l’informazione e la tecnologia sono fondamentali ai processi di miglioramento ed è prevedibile definire cosa accadrà con una creazione sempre più efficace di una rete internazionale. Proviamo a visualizzare le nuove industrie della Difesa cinese, gli avanzamenti tecnologici dei giapponesi, la crescita dell’Australia, l’America e l’Europa che si stanno sempre più unendo negli interessi politici ed economici. Vi è una  trasformazione veloce e costante in atto. Sicuramente vi sarà una concentrazione di risorse in base alle esigenze territoriali, dove ogni Paese contribuirà in base alle proprie capacità e mezzi disponibili. A tal proposito, esiste l’esigenza di cambiare l’organizzazione dei nostri ministeri che dovranno sempre più adeguarsi e caratterizzarsi in attività non più solamente italiane. Le tecniche di gestione, come le tecniche di project management, saranno sempre più utilizzate sia per l’organizzazione dei singoli progetti, sia per la gestione ed il controllo interno. Il Documento di Programmazione Economico e Finanziario, diventerà sempre più un documento di pianificazione programmatica-economica per la realizzazione di progetti e la gestione delle Pubbliche Amministrazioni. La trasparenza dei risultati sarà sempre più ben definita, dove sarà necessaria la sola analisi degli scostamenti di risultati per monitorare la gestione nei livelli di scomposizione delle P.A. Il motivo per il quale si raggiungerà tale risultato risiede essenzialmente nel fatto che altri Paesi già adottano tali sistemi che hanno permesso di migliorare i risultati gestionali ed operativi aumentando, in tal modo, anche il livello di benessere ambientale delle risorse umane coinvolte.  Inoltre, per dare un veloce sguardo al futuro, potremmo immaginare una organizzazione mondiale sempre più promiscua di popoli, ai quali la Sicurezza interna diventa sempre più una esigenza generale e dove la integrazione di intenti ha un ruolo sostanziale per il benessere generale. La ricerca applicata e sperimentale diventerà sempre più la base di scambio internazionale di nuove applicazioni, esperimenti nell’ottica di apportare vantaggi ad interessi analoghi di diverse realtà. In considerazione degli ingenti finanziamenti stanziati dalla Commissione Europea, le attività di ricerca non saranno più dedicate a singoli enti territoriali, bensì ad enti interessati di nazionalità diverse, evitando il rischio di creare una serie identiche di ricerche.  Concludo asserendo che, il mondo globale della nostra Difesa si troverà a difendere non solamente se stessa e non solamente il proprio territorio. E’ nostro dovere iniziare a ragionare su tale linea di pensiero, esattamente come altri Paesi seguiranno lo stesso.

Simona D’Eugenio

www.europeagency.info

MADISSON GODOY SANCHEZ

MADISSON GODOY SANCHEZ

“Grande soddisfazione per l’approvazione trasversale nel corso  dell’ Assemblea Capitolina della mozione presentata dal Professor Aiuti che sollecita il Governo a mantenere i propri impegni finanziari nei confronti delle popolazioni malate  di Aids, tubercolosi e malaria.

Nei paesi in via di sviluppo sono circa tre milioni le persone affette da queste terribili patologie, tra cui moltissimi bambini. Disattendere  le promesse fatte in questo senso, come dal 2009 sta facendo l’Italia, significa rendere ancora più difficile una situazione già di per sè stessa drammatica. 

La mozione presentata ieri conferma la solidarietà di questa città per le popolazioni dei paesi in difficoltà, paesi da cui proviene una grande parte dei cittadini immigrati che rappresentiamo” afferma il Presidente del Gruppo Assembleare Aggiunto Capitolino Madisson Godoy Sanchez, tra i firmatari del documento.

il marchese Giulio de Nicolais, Floriana Secondi e Angelo Martini

il marchese Giulio de Nicolais, Floriana Secondi e Angelo Martini

Sarà dedicata allo scomparso Bombolo, la l’edizione speciale “L’Amore è la chiave della vita”  del “Premio Amici di Alberto Sordi” che si svolgerà a Roma sul lungotevere lato sinagoga altezza Isola Tiberina, entrata da Ponte Garibaldi, la sera del 4 agostoo 2011 dalle ore 20.30/21.00 fino a notte inoltrata. L’Evento che vedrà la presentazione del libro“L’Amore è la chiave della vita” di Stefano Bonanni, sarà presentato da FLORIANA SECONDI vincitrice della terza edizione del Grande Fratello ed ANGELO MARTINI conduttore di Numeri Uno su Rai Due.

Si esibiranno stelle della canzone romana, soprani di fama internazionale e sfileranno i capi della innovativa stilista ungherese Renè Komjati del marchio Renè&Martini e i capi di intimo proposti da Amour Secret di Mila Rich. Tra gli ospiti della serata Premio Amici di Alberto Sordi, che vedrà il conferimento di numerose coppe al merito, i prestigiosi attori premiati  nelle precedenti edizioni, tra cui Alvaro Vitali, Enrico Montesano, Giorgio Gobbi, la famiglia dello scomparso Franco Lechner, più noto con il nome d’arte di Bombolo; tra gli invitati anche teste coronate tra cui il principe Guglielmo Giovannelli Marconi, il marchese Giulio de Nicolais d’Afflitto, la contessa Marcella Ciacci. Al termine gran buffè con spumante e storica torta con foto di Alberto Sordi e Bombolo. Durante la serata di gala riceveranno l’oscar della romanità il marchese Giulio de Nicolais per le sue commedie neoveriste in vernacolo romano contemporaneo ed il caro e stimato Gabriele Casadio perchè da tanti anni è un vero punto di riferimento della filiera della distribuzione alimentare della Capitale. Grazie “Gabrio”: la Roma degli amici di Alberto Sordi ti ringrazia!

In otto anni oltre sono stati premiati dal patron Giuliano Fioravanti, in arte Giuly, tantissimi personaggi ed artisti

Uno scorcio della passata 9° Edizione del Premio

Uno scorcio della passata 9° Edizione del Premio

 nazionali ed internazionali  che hanno visto caratterizzata la loro carriera da elementi tipici della “romanità”   tra cui Giorgio Gobbi che ha interpretato il ruolo di Ricciotto nel celebre “Il marchese del Grillo diretto da Mario Monicelli, Alvaro Vitali, Enrico Montesano, Mario Donatone, Amedeo Goria, Antonella Salvucci, Angelo Martini, Pino Ammendola, Renato Ferrante  nipote di Alberto Sordi, Cristina Mazzuzzi, Donatella Cotesta ed il marchese autore neoverista Giulio de Nicolais, Francesco Rizzi, Ciccio Nizzo e Deborah Bettega il pierre e la sociologa del noto locale romano Gilda.

Tra gli sponsor della serata il nostro periodico www.RomaMeeting.it il la boutique Amour Secret dell’attrice Mila Rich che propone un intimo d’autore.  Giuliano Fioravanti ringrazia “I sogni son Desideri” per aver ospitato sul greto del Tevere la sua particolare serata.

Giunta alla sua seconda edizione la manifestazione «I Sogni Son Desideri» lungo le rive del Tevere – esattamente da Ponte Garibaldi a Ponte Sisto (Lato Sinagoga) -  coinvolgere un numero sempre più consistente di partecipanti, a titolo gratuito, con serate dedicate a musical, cabaret, rappresentazioni teatrali, concerti, meeting, talk-show ed alcuni eventi mai proposti finora (alcuni dei quali risalgono addirittura al Medioevo), segnaliamo il 30 giugno la pluripremiata commedia in vernacolo romano “Una certa storia romana”.

E’ di Giuliano Fioravanti l’idea di istituire l’ambito “Prèmio amici di Alberto Sordi” che è giunto alla sua 9° edizione.

bonanni1511Il volume “L’Amore è la chiave della vita”  è un itinerario emotivo, che l’autore Stefano Bonanni traccia con una sensibilità disarmante che punta dritta alle coscienze. Inizia con un bilancio di vita che si snoda in pagine di diario, pagine che vibrano delle esperienze vissute e di sensazioni filtrate da un animo puro.  Prosegue con un percorso lirico che affida a un verso semplice e senza ambizioni la sintesi di ideali umani e sociali.  Si conclude con una storia realistica che consegna al lettore un messaggio di speranza: la vita è una meravigliosa giostra che alterna gioie e dolori, traguardi e ritirate, vittorie e sconfitte; resta comunque sempre un’occasione privilegiata di felicità anche quando si colora di grigio, a condizione che si abbia la capacità di trovare un obiettivo per rialzarsi, sentire la solidarietà che ci lega agli altri, disporsi sorridenti al futuro in attesa di capire il senso del nostro percorso.  Un percorso che è fatto d’amore, la molla che muove l’universo e le vite verso la meta che sono destinate ad attendere.

 

“Iniziativa che rende giustizia a un quadrante ricco di potenzialità”

 

appartamento-in-vendita-a-magliana-i25621537“La presentazione ufficiale del Primo Premio Letterario 100 righe per la Magliana, organizzato dal Casale Europa in collaborazione con le Biblioteche di Roma e con i prestigiosi patrocini del Ministro della Gioventù, di Roma Capitale e dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, rappresenta un’iniziativa lodevole che rappresenta un concreto contributo per la riscossa del quartiere Magliana, un quadrante ricco di potenzialità e che non potrà mai essere ridotto a sede di una banda o a location per un romanzo criminale”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV e Vice Presidente della Commissione Cultura.

“Si tratta agli effetti di un concorso letterario – prosegue Santori – che vuole promuovere la conoscenza dei quartieri di Roma, dei loro segreti e delle loro curiosità, che si iscrive nelle iniziative promosse dal Premio Coppedé, in questo caso dedicato a un quadrante che, partendo da Marconi, arriva fino a Muratella e Ponte Galeria, passando per Magliana Vecchia, Colle del Sole e Monte delle Piche”.

“Molto lodevole – conclude Augusto Santori – è anche il fatto che il concorso rivolga particolare attenzione verso i giovani, ai quali è stato dedicato un premio speciale under 25, con l’obiettivo che questa iniziativa possa diventare un palcoscenico importante per scrittori giovani, esordienti, semplici appassionati di arte, amanti della narrativa. Per chi volesse partecipare invito tutti a rivolgersi al sito www.ilquartierenascosto.com, ove poter richiedere informazioni ma anche inviare il proprio racconto che, come recita lo slogan degli organizzatori, può essere un romanzo ma non criminale”.

 

Roma, 23 Luglio 2011

“Musica troppo alta tiene svegli i residenti della Magliana, chiesto intervento al Dipartimento”

 

“Ho avuto modo di sollecitare interventi presso il Dipartimento Ambiente di Roma Capitale per verificare le condizioni di inquinamento acustico con cui attualmente si trovano a convivere i residenti di Magliana negli orari notturni, in particolare di quelli che risiedono negli edifici situati a pochi metri dagli argini del Tevere”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV.

“Decine sono infatti le segnalazioni arrivate al sottoscritto – prosegue la nota – di costanti e rumorose onde sonore provenienti dall’altra parte del Tevere, che con il suo bacino tenderebbe a irradiare musica, spettacoli e dj fino alla Magliana. In particolare, a detta dei cittadini, le manifestazioni cui ci si riferisce si troverebbero in zona Eur, ove sono in corso diverse serate di musica e ballo che probabilmente tenderebbero a non rispettare i limiti di impatto acustico e gli orari previsti dalla norma”.

Le manifestazioni dell’Estate Romana – conclude Augusto Santori rappresentano certamente delle iniziative dalla notevole importanza sociale, ludica e culturale, ma allo stesso tempo non possiamo esimerci dal tutelare i tanti cittadini che durante la settimana vorrebbero comunque trascorrere la notte nella propria abitazione”.

 

 009309

Roma, 21 Luglio 2011

imagesCA07SCWK

by Giulio de Nicolais

Ubi societas ibi ius, ubi ius ibi lex, Ubi lex ibi libertas. La società romana era un classico esempio di ciò, dato che, a differenza dei popoli barbari, aveva leggi scritte in appositi codici e le leggi garantivano il rispetto della Persona, e della sua libertà sancendone i confini. Anche oggi  nelle moderne Democrazie,  funziona allo stesso modo. Affrancato dagli stereotipi in cui la storiografia la costringeva, la moderna azione del Controspionaggio, svolta da professionisti, tende a garantire nel tempo da intrusioni esterne, delinquenziali o nemiche, i  confini di questa libertà sancita dalla legge (sia individuale nella sfera del cittadino, sia comune nella sfera più ampia della società civile della Repubblica, sia nell’attività economica e commerciale).

“Ubi societas, ibi ius” è una locuzione latina che significa “dove c’è una società civile, lì vi è il diritto“. Ogni società non può che fondarsi sul diritto, non può esservi alcuna società civile che non avverta l’esigenza di regolamentarsi, di porre in essere un sistema di convenzioni orali e scritte che ognuno debba rispettare a garanzia del libero vivere comune, cioè del libero vivere di ciascuno nel rispetto della libertà dell’altro. La locuzione deriva dalla frase “Ubi homo, ibi societas. Ubi societas, ibi ius. Ergo ubi homo, ibi ius“. Il principio è di origine romanistica e sta ad indicare come l’uomo abbisogni necessariamente di regole giuridiche per poter vivere. Di fatti se l’uomo è un “animale sociale” per usare una espressione di Aristotele, ossia necessariamente deve vivere con altri uomini e si relaziona costantemente con altri uomini. Per poter fare tutto questo è necessaria la creazione di regole. Da qui l’espressione “ubi societas ibi ius”, ossia laddove vi è società allora lì vi è diritto.

Ubi ius ibi lexè una locuzione latina che significa “Dove c’è il diritto là c’è la legge!” La società romana era un classico esempio di ciò, dato che, a differenza dei popoli barbari, aveva leggi scritte in appositi codici. Anche gli Stati attuali fondati sul diritto hanno codici e convenzioni che regolano i rapporti della vita civile dei propri cittadini, garantiscono la proprietà privata, regolano la vendita, definiscono i rapporti tra i coniugi, garantiscono i diritti della Persona fisica e della Persona giuridica, delle Associazioni, delle Società, della Successione e di ogni altra qualsivoglia situazione del vivere comune e dei rapporti tra il cittadino e lo Stato, i rapporti tra Stati.  Ciò che non è ben sancito dall’articolo di un codice, è indicato dalla sentenza  di una Corte, dalla Giurisprudenza.

Ubi lex ibi libertas.  Dove c’è la legge, dunque c’è la libertà sancita dalla legge sia quella individuale visibile nella sfera del cittadino, sia quella comune da raffigurarsi nella sfera più ampia della Società civile della Repubblica, sia nell’attività economica sia in quella commerciale.

La moderna azione del Controspionaggio, svolta da autorizzati professionisti, tende a garantire nel tempo da intrusioni esterne, delinquenziali o nemiche (spionaggio), i  confini di questa libertà sancita dalla legge. Al controspionaggio si ricorre, quindi, quando si crede o si è appurato di essere vittime di comportamenti di spionaggio diretto o indiretto, senza che comunque si voglia rendere noto al nemico di aver effettuato la scoperta di un suo piano e quindi senza smascherarne i propositi, prendere delle contromisure a salvaguardia della libertà.

Le innovazioni tecnologiche che ogni giorno incidono sulla nostra vita, se da una parte la rendono sempre più soggetta a una vulnerabilità della propria privacy e riservatezza, dall’altra offrono ancora più sofisticate soluzioni affinchè tali illiceità vengano smascherate e legalmente messe al bando dall’autorità giudiziaria competente, anche se, talvolta, le azioni di spionaggio – una volta rese note, nel caso lo si ritenga opportuno – sono il miglior deterrente per evitare che soggetti interessati possano ledere la riservatezza delle proprie azioni, conoscenze e comunicazioni, a livello strategico, operativo o più semplicemente privato (cioè riferito alla vita privata di tutti i giorni). Non solo deterrente ovviamente, ma anche possibilità che i soggetti mandatari delle azioni di spionaggio (soggetti singoli o Stati) si ritirino da tali operazioni, rinunciando di fatto ad azioni scorrette.

Moiseev01_(1)[1]Roma, Teatro Villa Pamphilj, via di San Pancrazio 10

Giovedì 21  e venerdì 22 luglio ore 21.15

IGOR MOISEEV BALLET

Balletto di Stato Accademico di Danza Popolare “Igor Moiseev”

Tournée organizzata in collaborazione con il Ministero della Cultura della Federazione Russa

OMAGGIO A IGOR MOISEEV

Coreografie: Igor Moiseev   

Musiche tradizionali e popolari

In occasione dell’Anno della Cultura Russa in Italia e della Cultura Italiana in Russia,  giovedì 21 e venerdì 22 è ospite della ventunesima edizione di Invito alla Danza l’Igor Moiseev Ballet, la più importante, famosa e acclamata compagnia di folclore russo. L’Omaggio a Igor Moiseev  offre la più vasta panoramica della produzione del grande artista russo, spaziando in un repertorio di 73 anni di attività e fra oltre 300 balletti e coreografie.

Fondato da Igor Moiseev nel 1937 come prima compagnia di danza folclorica del mondo, l’IGOR MOISEEV BALLET conta nel suo repertorio più di 300 danze popolari e balletti in un atto. Il repertorio è così vasto che fa della compagnia un vero e proprio teatro accademico di danze popolari, un’enciclopedia vivente delle danze non solo di tutto l’immenso territorio dell’ex Unione Sovietica, ma anche danze slave, ebraiche e greche. Accanto alla compagnia, Moiseev fondò una scuola di danza di altissimo livello: i suoi ballerini padroneggiano tutti gli stili e tutti i generi di danza, oltre ad essere preparati dal punto di vista teatrale. Il livello tecnico e artistico dell’Igor Moiseev Ballet, si è costantemente elevato di stagione in stagione e ad oggi è considerato il più professionale e appassionato cast artistico russo. Infinite le tournée realizzate non solo in ogni angolo della Russia, ma anche in Europa, Asia, America del Nord e Nord Africa. Ovunque si è esibita la compagnia ha ottenuto entusiastici consensi. A Parigi, dopo uno spettacolo un quotidiano ha scritto: “Se non urli e non batti i piedi alla fine di una recita di Moiseev, non sei normale e hai bisogno di uno psicanalista”.

Igor Moiseev è stato uno dei maestri e coreografi più noti della Russia. Nella sua lunga vita, conclusa nel 2007 a ll’età di 101 anni, il grande artista ha ricevuto numerosissimi riconoscimenti fra cui il “Premio Artista Benemerito del Popolo Russo”, “Premio Lenin” e la “Medaglia Mozart dell’Unesco” per il suo eccezionale contributo alla cultura. In occasione del suo 95esimo compleanno in un Gala realizzato al Teatro Bol’šoj, il governo di Mosca lo ha insignito del Premio “Leggenda del Secolo”. Nessuno, come Moiseev, ha saputo realizzare coreografie che sono un affresco plastico di musica, usanze, danze e culture. Studioso attento delle diverse etnie, ha dedicato molti viaggi alla conoscenza diretta dei popoli. Già centenario, continuava a seguire la compagnia in tournée, partecipando ad esempio alla ventesima edizione del festival “Primavera d’Aprile” nella Corea del Nord, in cui ha ricevuto il Primo Premio. Il 21 gennaio 2006 festeggiò cento anni con un Gala al Cremlino, al quale a testimonianza della stima e dell’affetto nei confronti di questo “grande vecchio” le più prestigiose compagnie del mondo, incluse il Béjart Ballet Lausanne, l’Alvin Ailey American Dance Theatre, il Balletto del Teatro alla Scala e il Balletto dell’Opera di Vienna, hanno partecipato con le loro étoiles. Al di là dei riconoscimenti ufficiali, siamo grati a questo straordinario artista per averci regalato spettacoli pieni di passione, gioia e allegria così necessarie a tutta l’umanità.

In collaborazione con ATER – Associazione Teatrale Emilia Romagna

Biglietti:  Primo settore intero € 28 – ridotto € 25

Secondo settore intero € 25 – ridotto € 22

Nell’anno della Cultura e Lingua Russa in Italia
I rappresentanti della Fondazione Skolkovo a Roma per il

SEMINARIO DEDICATO ALLA

 

TEMATICHE DEL BUSINESS

 
Giovedì 14 Luglio 2011
 Ministero degli Affari Esteri
Sala delle Conferenze Internazionali

ROMA

Molti gli incontri, i gemellaggi, le cooperazioni tra il nostro Paese e la Federazione Russa in occasione dell’Anno della Cultura e Lingua Russa in Italia. Giovedì 14 Luglio i rappresentati della Fondazione Skolkovo saranno ricevuti presso la Farnesina per partecipare ad un importante seminario dedicato alle tematiche del business. Saranno presenti numerose imprese italiane invitate da Confindustria.
Sarà l’occasione per presentare l’attività della Fondazione Skolkovo, una fondazione no-profit che ha lo scopo di promuovere il raggiungimento di risultati socialmente utili nello sviluppo delle innovazioni.
Nel corso della giornata i rappresentati della Skolkovo incontreranno i direttori dei Misteri Italiani di competenza che si occupano di innovazione, modernizzazione ed istruzione. Verranno discusse le più attuali questioni di sviluppo della collaborazione in tali settori tra Russia e Italia. Nel programma rientra anche la vista ad alcune delle maggiori ed innovative imprese italiane che si occupano di ricerca e innovazione tecnologica.
Segue programma della giornata.
  
  
PROGRAMMA della GIORNATA
   
09.00-10.00  Incontro fra il signor Viktor F. Vekselberg, presidente della fondazione Skolkovo, e il signor Valentini, Consigliere per gli affari esteri del Capo del Consiglio (il luogo dell’incontro verrà definito in accordo con la controparte italiana)
 Prima parte dell’incontro
10.00-10.30  Registrazione dei partecipanti al seminario dedicato alle tematiche del business nella Sala delle Conferenze Internazionali del Ministero degli Esteri italiano (la parte italiana sarà rappresentata dalle maggiori imprese italiane, invitate da Confindustria)
10.30-10.35  Discorso introduttivo del moderatore dell’incontro, l’Ambasciatore Maurizio Melani, Direttore Generale per la Promozione del Sistema Paese.
10.35-11.00  Discorso di benvenuto:
- Vincenzo Scotti, Sottosegretario al Ministero degli Esteri
- Daniel Kraus, Vice Direttore Generale di Confindustria
- Viktor F. Vekselberg, presidente della fondazione Skolkovo
11.00-12.15  Presentazione generale dell’attività della fondazione “Skolkovo”- Steven Geiger
Presentazione dei cluster della Fondazione “Skolkovo” da parte dei singoli direttori:
§  Efficienza energetica
§  ICT  
§  Tecnologie biomedicali  
§  Spazio  
§  Tecnologie nucleari  
12.15-13.00  Sessione di domande e risposte, intervento dei partecipanti italiani  
13.00              Conclusione della prima parte dell’incontro
11.00-12.30   Parallelamente si svolgerà l’incontro tra Viktor F. Vekselberg e Massimo Sarmi, Amministratore delegato del Gruppo Poste Italiane, azienda leader nel settore delle tecnologie di informazione e telecomunicazioni (il luogo verrà definito in accordo con la controparte italiana). Trasferimento alla Farnesina per partecipare alla Conferenza Stampa
13.00-13.30  Conferenza stampa per i giornalisti italiani e russi (vi prenderanno parte Vincenzo Scotti, Sottosegretario al Ministero degli Esteri, e Viktor F. Vekselberg)
13.30-15.00  Pranzo offerto dal Sottosegretario agli Esteri Vincenzo Scotti presso il club “Circolo” della Farnesina (organizzazione a carico della parte italiana, partecipano: V. F. Vekselberg, V. V. Neljubin, S. Geiger, C. Pumpjanskaja, A. D. Chernov, A. Yu. Meshkov, Ambasciatore della Federazione Russa in Italia)
Seconda parte dell’incontro
15.00-15.30  Registrazione dei partecipanti al seminario scientifico-universitario nella Sala delle Conferenze Internazionali del Ministero degli Esteri italiano (per la parte italiana è atteso l’intervento dei rappresentanti delle maggiori università e circoli scientifici italiani, invitati dal Ministero degli Esteri e dal Ministero dell’Istruzione italiani)
15.30-15.35  Discorso introduttivo del moderatore dell’incontro, l’Ambasciatore Maurizio Melani, Direttore Generale per la Promozione del Sistema Paese.
 
15.35-16.00  Discorso di benvenuto:
                     - Vincenzo Scotti, Sottosegretario al Ministero degli Esteri
-Giovanni Puglisi, Vice presidente dell’Associazione dei Rettori delle Università italiane
-Viktor F. Vekselberg, Presidente della Fondazione Skolkovo
16.00-16.40  Presentazione dell’Università Skolkovo, sessione di domande e risposte – A. Yu. Sitnikov
16.45-17.30  Intervento dei partecipanti italiani
16.30-17.30  Parallelamente al seminario si svolgerà l’incontro tra Viktor F. Vekselberg e il Ministro dell’Istruzione italiano Maria Stella Gelmini (il luogo verrà definito in accordo con la controparte italiana)
15.00-17.30  Parallelamente al seminario si svolgerà la visita dei direttori dei cluster della Skolkovo a 2-3 aziende italiane (da concordare con la parte italiana)
18:00             Rinfresco generale, bilancio conclusivo del seminario (luogo e modalità da concordare con la parte italiana).
 
Rappresentanti della Fondazione Skolkovo che prenderanno parte al seminario di Roma:
V.V. Neljubin, S. Geiger, A.I. Turkot, E.V. Djachenko, S.A. Zhukov, D.A. Kovalevich, I.I. Gorjanin, A.D. Chernov, C. Pumpjanskaja, A.Yu. Sitnikov, K.Lenikhan, S.P. Vanjukov
Potito Salatto

Potito Salatto

 Roma, 11 lug -  “Lo scontro Polverini-Malcotti, che ha lasciato piu’ di un malumore, la dice lunga sul modo di governare della ‘zarina’ presidente della Regione. Quello che sconcerta e’ l’assoluto silenzio, tranne che per i mugugni di corridoio, dei partiti della maggioranza che non reagiscono alla ancora mancata assegnazione delle deleghe agli assessori. Cosa, questa, mai vista nella storia della Regione Lazio”. Lo dichiara in una nota l’eurodeputato Potito Salatto, membro dell’assemblea nazionale di Fli. “Chi pecora si fa – aggiunge Salatto – il lupo se la mangia, dice un vecchio proverbio. Il problema e’ che in questa situazione l’immobilismo regionale e’ pagato dai cittadini, molti dei quali, come me, sono pentiti di avere votato Polverini”.

by  On. Alessandro Onorato (Udc)rao_onorato

9 luglio 
BILANCIO: NO A MANOVRA LEGHISTA
Con questo bilancio il Sindaco Alemanno ha dovuto raschiare il fondo del barile: è una manovra che definisce il peso che i cittadini romani sono costretti a pagare per i tagli del governo Berlusconi a trazione leghista. Per rientrare degli oltre 300 milioni di mancati trasferimenti statali questa maggioranza ha dovuto caricare di tasse i romani, facendo arrivare alle stelle l’addizionale Irpef e stabilendo un record nazionale. E il futuro è sempre più nero, perché anche il prossimo anno sono previsti tagli per oltre 200 milioni. Roma e i suoi cittadini sono allo stremo: le condizioni di vita continuano a peggiorare, segno che la Capitale ha bisogno di un governo nazionale amico che possa garantire sostegno in un momento così delicato per la tenuta delle finanze comunali. L’unica nota positiva di questa manovra è l’introduzione concreta del Quoziente familiare, che anche grazie alla disponibilità della maggioranza, sarà applicato alla tariffa sui rifiuti (Tia), facendo risparmiare alle famiglie romane (in particolare quelle con due figl i o con un figlio disabile) ben 3 milioni di euro. E’ una vera e propria rivoluzione sociale: un primo passo verso un nuovo sistema fiscale che possa tener conto della reale consistenza delle famiglie, non limitandosi più a considerare solo il reddito.


7 luglio
SICUREZZA: NO AI TRASFERIMENTI AL CONTRARIO
No ai trasferimenti al contrario: non possono essere certo le amministrazioni locali, sfinite come sono dai tagli e dai debiti, a sostituirsi allo Stato e a ‘mettere qualche soldo per pagare gli straordinari e aiutare le forze dell’ordine’, come ha dichiarato oggi il Sindaco Alemanno e il suo delegato Ciardi. Sulla sicurezza la mancanza di fondi comincia a farsi sentire, e spetta al Governo dare risposte immediate ed efficaci, per garantire continuità alle indagini e una presenza costante delle forze dell’ordine sulle strade. La situazione a Roma è delicata e preoccupante, come confermano le dich iarazioni del Procuratore Pietro Grasso, che fanno presupporre una vera e propria faida tra criminali per mettere le mani sulla città. Fa bene quindi il Sindaco Alemanno a porre la questione con il Ministro dell’Interno e a non mollare la presa: lo Stato non può abbandonare la Capitale a se stessa.

6 luglio
STRISCE BLU: ADESSO REGOLAMENTARE SOSTA CON NOSTRA PROPOSTA
Bene che sia stato superato il vulnus amministrativo creato dalle giunte succedutesi fino ad ora, ma la delibera non si può limitare ad autorizzare le moto a parcheggiare gratuitamente nelle strisce blu. Noi rilanciamo la questione, e chiediamo all’assessore Aurigemma di regolamentare tale sosta, per evitare che un solo motorino piazzato male posso occupare lo spazio di un’autovettura.
Basterebbe un intervento di immediata realizzazione e di facile comprensione per gli utenti: si disegnino nelle strisce blu gli spazi (non a pagamento) dedicati alle moto. In questo modo, in uno spazio dedicato a una macchina potrebbero parcheggiare agevolmente quattro moto. La multa dovrebbe scattare, ovviamente, solo per chi non rispetterà gli spazi delimitati.


30 giugno
BILANCIO: QUOZIENTE FAMILIARE È REALTÀ
Il Quoziente Familiare è finalmente realtà: introdotto dal Consiglio comunale il 7 ottobre 2010 con l’approvazione di una proposta di delibera a firma Udc, grazie a un emendamento alla delibera sulla tariffa rifiuti (collegata al bilancio 2011), sarà applicato alla Tia, facendo risparmiare alle famiglie romane 3 milioni di euro. In pratica, la tariffa sarà rimodulata, prevedendo uno sconto per i nuclei familiari di 4 componenti e per quelli di tre in cui vi sia un figlio con handicap. La proposta non comporta oneri aggiuntivi per il bilancio capitolino: la copertura economica infatti viene completamente assorbita dal maggior get tito derivante dall’attività di recupero dell’evasione.
Oggi raggiungiamo un risultato storico. Finalmente possiamo dare un segno tangibile alle famiglie romane, messe a dura prova dalla crisi economica e dall’aumento dell’addizionale Irpef, ad oggi la più alta d’Italia. Ci auguriamo che questa prima sperimentazione sia l’apripista per rivedere l’intero sistema delle tariffe comunali, considerando la reale consistenza dei nuclei familiari e non solo il reddito percepito.


28 giugno
ATAC: SU NUOVE ASSUNZIONI CONTINUA GIALLO
Continua il giallo senza fine sulle assunzioni in Atac dei 125 autisti interinali: prima il bando di Obie ttivo Lavoro durava appena 3 giorni, poi è stato prorogato a 8 (fino al 29 giugno) su nostra sollecitazione e oggi è addirittura scomparso. Abbiamo presentato un’interrogazione urgente al Sindaco Alemanno e all’assessore Aurigemma affinché facciano immediatamente chiarezza e garantiscano la trasparenza e l’accessibilità alla selezione. Roma e i suoi cittadini sono stanchi degli scandali, dei sotterfugi e dei concorsi a cui riescono ad accedere solo “amici e parenti di”. Chiediamo interventi immediati.


27 giugno
CRISI: ALLARMANTI DATI S.EGIDIO
Ormai a Roma sono sempre di più le famiglie che vivono solo per onorare i prestiti contratti con le banche o le finanziarie. È uno spaccato allarmante che denunciamo da tempo, anche per il dramma sociale che vivono i giovani lavoratori, massacrati da un sistema di welfare insufficiente e antiquato. Le istituzioni devono dare delle riposte immediate, altriment i continueranno a mortificare un’intera generazione che non può più credere nel futuro. Non possiamo sottovalutare questo campanello d’allarme: serve una reazione importante anche da parte dell’amministrazione capitolina che non ha mai brillato per politiche di tutela e di rilancio dell’economia. Rimodulare le tariffe dei servizi comunali applicando il quoziente familiare e tenendo conto del numero dei figli, della presenza di anziani, disabili o disoccupati è un primo passo avanti per una maggiore equità sociale. È evidente però che il Comune non può farcela da solo: il governo nazionale deve mettere in campo da subito interventi programmatici e riforme per dare una scossa al Paese, che è fermo ormai da troppo tempo.


27 giugno
BILANCIO: PER I ROMANI ECCO L’ENNESIMA TEGOLA
Il terzo bilancio targato Alemanno è l’ennesima tegola sulla testa dei romani: per colpa dei taglieggiamenti della Lega Nord mancano all’appello 250 milioni di trasferimenti statali, recuperati alzando le addizionali ben oltre la media italiana. Ma non basta essere la città più tassata del Paese, adesso arrivano anche i tagli e gli aumenti delle tariffe comunali. Non si riesce davvero a vedere luce. La sessione di bilancio sarà lunga e delicata: la coperta è corta e si rischia sempre di lasciare qualcuno fuori. Il nostro però sarà un atteggiamento costruttivo e oltre alle critiche porteremo – come abbiamo sempre fatto – anche proposte concrete. La nostra battaglia sarà l’applicazione del quoziente familiare, necessario per dare respiro alle famiglie romane, massacrate dalla crisi, dai tagli e dalle tasse. Rimodulare le tariffe in base al numero dei figli, alla presenza di anziani, disabili o disoccupati a carico è una priorità a cui non intendiamo rinunciare per ripor tare un po’ di equità sociale.